Home
Andata
Ritorno
Calendari
Storia
News
Video
Classifica
Foto
Squadra
Marcatori
Giovanili
Juniores
Allievi
Giovanissimi
Sponsor
FINALE PLAYOFF, SORSO - GUSPINI TERRALBA 0-1

domenica 2 novembre 2014

7^ GIORNATA DI ANDATA: SORSO - TEMPIO 2-0

Sorso - Con una prestazione maiuscola il Sorso di Levacovich, all'esordio casalingo sulla panchina biancoceleste, coglie meritatamente la prima vittoria in questo travagliato campionato, interrompendo un digiuno lungo 6 partite, 8 considerando quelle di Coppa Italia. Una vittoria importante non solo per i punti conquistati, ma per la qualità che la squadra ha mostrato sul campo, dando un segnale chiaro di quale sia il reale valore dei giocatori. 

 In campo

Sorso - Frau, Pischedda, Cacace M, Occulto, Bagniolo, Cacace R, Mereu, Canu, Fenu (55' Arcadu), Spanu (83' Roggio), Saba (87' Mura)
Allenatore Fabio Levacovich

Tempio - Marzeddu, Scalafurru, Meloni, Carboni M, Lungheu (72' Peana), Nativi, Asara, Friscia (60' Ninaldeddu), Manca, Frau, Nuvoli
Allenatore Addis

Arbitro Rinaldo Maria Wissam Saab di Sassari
Assistenti Sandro Lisi di Olbia e Khaled Bahri di Sassari
 Formazione votata all'attacco quella messa in campo da Levacovich, con Fenu e Saba appoggiati da Spanu, mentre torna sulla fascia sinistra Roberto Cacace. Mereu, Occulto e Canu gestiscono il centrocampo, mentre la difesa è schierata perlopiù a 3 con Marco Cacace, Bagniolo e Pischedda. Nel Tempio subito in campo l'ex biancoceleste Friscia, mentre l'altro ex, Ninaldeddu, parte dalla panchina. In partenza il Sorso prende le misure agli ospiti, che sembrano voler imprimere il proprio ritmo alla gara. Il più pericoloso dei biancoblù è l'esperto Frau, che con la sua esperienza riesce a creare più di un grattacapo alla difesa biancoceleste. Al 10' il Sorso prova a farsi avanti, Saba scodella in area un pallone per Fenu, che contrasta il portiere, la palla giunge a Canu che con l'estremo difensore ospite fuori dai pali prova da lontano, senza inquadrare lo specchio. Al 13' sono gli ospiti a rendersi pericolosissimi, Frau deve intervenire con due parate consecutive prima su Nuvoli e poi sul suo omonimo numero dieci tempiese. Il Sorso prende confidenza e capisce che l'arma per avere la meglio sul Tempio è gestire il centrocampo, ma paga un periodo poco felice in fase di rifinitura, mentre il Tempio sempre con il solito Frau impegna l'estremo difensore biancoceleste, che si esibisce in una difficile parata su punizione da 25 metri del numero 10 biancoblu. 
 Nel secondo tempo i biancocelesti provano subito a mettere sotto pressione gli ospiti, al 7' Saba coglie una clamoroso palo da posizione defilata dopo un lungo lancio di Canu. Levacovich capisce che i biancocelesti possono tentare il colpaccio, e inserisce un attaccante fresco, Arcadu, al posto di Fenu. Subito il nuovo entrato si rende pericoloso al 12', mandando alto di pochissimo un tiro poco dentro l'area di rigore dopo un passaggio di Mereu. Al 15' Sorso in vantaggio, Saba scambia con Spanu, che si porta sul fondo saltando Lungheu e mettendo in mezzo un pallone d'oro per Mereu, che si coordina in piena area e insacca mettendo la sfera tra portiere e difensore. Addis prova a correre ai ripari e inserisce Ninaldeddu al posto di Friscia, ma la difesa biancoceleste oggi concede davvero poco. Al 25' i biancocelesti raddoppiano, Arcadu fa da torre servendo Saba, e il bomber del Sorso esplode un tiro da fuori area sul quale Marzeddu non prova neanche a intervenire, con la sfera che si infila all'incrocio dei pali. Da lì in poi per il Sorso la strada si fa in discesa, con il Tempio che non molla ma la squadra biancoceleste che gestisce la gara in maniera impeccabile, incassando 3 punti preziosissimi che smuovono la classifica. Prossimo incontro a Dorgali, avversaria la capolista del torneo, la Dorgalese.




















Nessun commento: