Home
Andata
Ritorno
Calendari
Storia
News
Video
Classifica
Foto
Squadra
Marcatori
Giovanili
Juniores
Allievi
Giovanissimi
Sponsor
FINALE PLAYOFF, SORSO - GUSPINI TERRALBA 0-1

domenica 1 settembre 2013

SEDICESIMI ANDATA COPPA ITALIA: CASTELSARDO - SORSO 3-1

 Nulvi - Esordio sfortunato per il Sorso nella Coppa Italia Promozione, proprio come un anno fa la squadra di Asara comincia la stagione con una sconfitta, che comunque non avrà ripercussioni per quanto riguarda il campionato. I biancocelesti sono apparsi un pochino fuori condizione, con la preparazione iniziata da poco meno di due settimane, rispetto ad un Castelsardo che sembra già aver preso il ritmo giusto per la nuova stagione. Ci sono stati comunque sprazzi di buon gioco per il Sorso, che fanno prevedere un'ottima squadra una volta raggiunta la condizione fisica necessaria ad affrontare il campionato, per il momento comunque nulla è compromesso per il passaggio del turno di Coppa Italia, grazie al goal siglato da Monti all'83' che tiene aperto il discorso qualificazione in vista del ritorno l'8 settembre a Sorso.

 In campo:

Castelsardo - Pierangeli, Carrucciu, Caravagna, Manconi (67' Abozzi), Cutolo, Pintus, Zallu, Sotgiu, Palumbo (75' Garrucciu), Mulas, Palmas
Allenatore Stefano Udassi

Sorso - Pintus, Coccu, Cacace M, Occulto, Valenti, Cacace R (90' Roggio), Monti, Bonetto (61' Saba), Fenu (61' Canu), Friscia, Mura
Allenatore Marco Asara

Arbitro Paolo Armando Mulas di Sassari
Guardialinee Michele Campus e Andrea Niedda di Ozieri
 Tre le novità in campo dal primo minuto per il Sorso, con i nuovi acquisti Friscia, Coccu e Valenti, mentre il resto della formazione è composto da giocatori già presenti nella scorsa stagione, con i tre fuoriquota Roberto Cacace, Lello Fenu e Michele Mura. Avvio prudente della squadra di Asara contro la sua ex squadra di due stagioni fa in Eccellenza, i biancocelesti concedono il pallino del gioco ai padroni di casa (sul campo di Nulvi per indisponibilità del campo di Castelsardo), limitandosi a reagire in contropiede. Dopo cinque minuti una distrazione difensiva lascia via libera a Sotgiu che trova subito la risposta pronta di Pintus sul rasoterra insidioso del giocatore rossoblu. Al 15' Occulto trova il corridoio giusto ma viene messo giù prima di entrare in area, sulla successiva punizione Mura trova la barriera che devia in angolo. Occasione d'oro al 20' per i biancocelesti, con Friscia che appoggia per Fenu che da pochi passi si fa respingere il tiro dalla schiena di Pintus.  Il Castelsardo non resta a guardare, ma è capitan Cacace che fa buona guardia sul buon Palumbo che si fa strada con un'azione solitaria in piena area al 24'. Dopo un forcing sul quale la difesa biancocelste deve fare gli straordinari per disinnescare le incursioni di Palumbo il Sorso trova ancora la strada della porta di Pierangeli, ma a conclusione di un'azione corale chiusa da Roberto Cacace è il portiere locale ad avere la meglio sul giovane biancoceleste. 
 Il secondo tempo vede l'avvio del Sorso più incisivo, con Friscia che sfiora il palo sinistro con un gran tiro dopo una punizione respinta dalla barriera, ma è un momento che dura poco, perché al 5' arriva il vantaggio rossoblu. Sulla sinistra Palmas toglie fuori dal cilindro un traversone perfetto per Palumbo, che tutto solo batte Pintus con un preciso colpo di testa. Asara prova a correre ai ripari inserendo Canu e Saba al posto di Fenu e Bonetto, mentre Udassi manda in campo Abozzi in luogo di Manconi. Nonostante un cenno di reazione positivo il Castelsardo trova il raddoppio al 30', con un gran tiro dal limite di Sotgiu, imprendibile per Pintus la conclusione del centrocampista lasciato troppo libero di aggiustarsi la sfera. All'83' si fa rivedere il Sorso dal gioco fluido tipico della squadra di Asara, con una bella ragnatela di passaggi il pallone giunge infine a Monti, e il bomber biancoceleste capocannoniere del Sorso nella scorsa stagione non sbaglia l'appuntamento con il goal accorciando le distanze, ma all'85' è ancora il Castelsardo a passare, con una gran botta da fuori area di Abozzi con Pintus che non ci può arrivare. 











Nessun commento: