Home
Andata
Ritorno
Calendari
Storia
News
Video
Classifica
Foto
Squadra
Marcatori
Giovanili
Juniores
Allievi
Giovanissimi
Sponsor
FINALE PLAYOFF, SORSO - GUSPINI TERRALBA 0-1

domenica 9 dicembre 2012

14^ GIORNATA DI ANDATA: SORSO - LA CORTE 2-2

Sorso - Pareggio sofferto per il Sorso allo stadio La Piramide, giunto a tempo ormai scaduto grazie nuovamente alla freddezza di Gareddu, al suo secondo goal stagionale e secondo goal decisivo quando ormai la partita sembrava chiusa. A dispetto del risultato però non è stata una partita particolarmente brillante, troppo frammentato il gioco, con molte interruzioni e momenti di nervosismo che hanno condizionato pesantemente lo spettacolo offerto dalle due squadre. In una giornata che ha visto tra le grandi vincere solo il Ploaghe, che ora è impegnato in una vera e propria fuga al vertice, il Sorso  mantiene comunque la seconda posizione, in attesa dell'ultima partita del girone di andata sul campo del Luogosanto.

In campo:

Sorso - Cacace E, Gareddu, Cacace M, Occulto (20' Marreu), Pischedda, Lizzeri (67' Fenu), Mura, Bonetto, Riu, Cacace R, Saba
Allenatore Marco Asara

La Corte - Sassu, Cossu, Cuccuru, Spanu, Nonne, Secchi, Danna, Malfitano (77' Addis), Mulas (70' Fadda), Piras, Pusceddu
Allenatore Porqueddu

Arbitro Marco Andrea Bognolo di Olbia
Sorso privo di Pintus, Dettori, Monti e Ledda, quest'ultimo squalificato, al 23' dovrà fare a meno anche di Occulto, infortunatosi per un contrasto di gioco. In avvio il Sorso sembra promettere bene, mentre gli ospiti studiano attendendo gli sviluppi del match, subito in evidenza Riu, che si procura la prima palla goal servito bene da Saba, ma l'attaccante biancoceleste viene fermato dal portiere. E lo stesso attaccante al 15' mette anche la palla in rete servito ottimamente in area da Occulto, ma secondo l'arbitro si trovava in posizione di fuorigioco, poi rivelatosi inesistente. Il La Corte scampato il pericolo comincia ad applicare un pressing molto forte che riesce a mettere in difficoltà la squadra di Asara, su rinvio di Eugenio Cacace sulla traiettoria si trova Mulas, che prova il pallonetto con l'estremo difensore fuori dai pali mancando di un soffio il goal. Al 30' Malfitano si incunea in area davanti al portiere biancoceleste, ma perde l'attimo contrastato da Gareddu e la palla sfila verso Eugenio Cacace, mentre sull'altro fronte Sassu si deve opporre ad una punizione velenosa di Gareddu. Al 42' una disattenzione difensiva lascia spazio a Danna, che solo davanti al portiere biancoceleste lo infila con un tiro preciso nell'angolino basso.
Nel secondo tempo ad appena un minuto dalla ripresa del gioco Gareddu trova pronto Riu in area, che con un perfetto colpo di testa mette fuori causa Sassu portando la situazione sull'1-1. Il Sorso sembra galvanizzarsi e prova a mettere pressione agli ospiti, che però non si fanno intimidire e proseguono con un gioco pulito e ordinato. Al 52' Danna manda alto servito solo in piena area. Al 55' il La Corte in vantaggio grazie ad un rigore concesso per fallo di Pischedda su Malfitano, che precedentemente aveva rubato il pallone a Marco Cacace con un fallo. Trasforma il penalty Mulas, e per il Sorso si mette male, con gli ospiti che giocano una buona partita a fronte dei giocatori di Asara che appaiono nervosi per il risultato maturato sul campo. La reazione biancoceleste riesce comunque a creare qualche occasione, al 75' Saba impegna Sassu in angolo, mentre sull'altro fronte Gareddu è costretto ad un recupero disperato togliendo all'ultimo momento il pallone dai piedi di Danna, che poteva siglare il definitivo KO per la squadra di casa. Ad aggravare la situazione l'espulsione di Marco Cacace per proteste in seguito alla seconda ammonizione all'80', costringendo il Sorso ad un assalto frontale che lascia la difesa scoperta. A tempo abbondantemente scaduto il Sorso trova l'insperato pareggio, prima Bonetto impegna Sassu con un tiro fortissimo dal limite, sugli sviluppi Mura si procura un calcio di punizione e da quasi 30 metri Gareddu trova una punizione perfetta che regala un punto preziosissimo per i biancocelesti, che in seguito alla sconfitta del Malaspina a Pattada si trovano ora soli al secondo posto dietro al Ploaghe, distante però ormai 7 punti.











Nessun commento: